11Lug
casale roccolo - famiglia partner di Slow Lake Como

Fabio di Casale Roccolo si è lasciato intervistare da noi, ecco cosa abbiamo scoperto!

Casale Roccolo è una piccola azienda a conduzione famigliare con certificazione biologica. Nessun tipo di farmaco viene utilizzato, nessun tipo di ormoni , una scelta consapevole, un approccio valutato positivo fin dall’inizio.

La certificazione nel biologico arriva per dare maggiore credibilità a questa scelta, una decisione per verificare il comportamento nella quotidianità. Essere certificati però diventa anche una necessità per avere accesso ad alcuni canali come Natura si, oppure dei Gas (Gruppo Acquisto Solidale) dove se non hai certificazione non puoi entrare.

Fabio e famiglia di Casale Roccolo - partner di Slow Lake Como

Ci puoi raccontare un po’ di più la storia di famiglia connessa all’allevamento?

Avendo molto terreno avere coppie di animali come caprette, conigli, pavone era la norma, ma dal 2006 abbiamo deciso di diventare più seri e di tenere il primo gruppo di 35 animali. Alleviamo solo capre scamosciate delle Alpi, capaci di regalarci un latte di alta qualità nutrizionale. Tutti i nostri prodotti caseari sono lavorati nel caseificio di Binago, dove rielaboriamo vecchie ricette di famiglia per valorizzare al meglio il nostro latte.

Un esempio è lo zincarlino, zincarlino fresco invece che stagionato (pasta di caprino condito molto con pepe e conservanti della nonna). Siamo sicuri di noi, percui invece di farlo stagionare lo prepariamo fresco.

I principi Slow dell’approccio di Casale Roccolo sono quelli che hanno avvicinato la nostra realtà Slow Lake Como alla tua, nella tua presentazione e sul tuo sito racconti di collaborazioni con enti e imprese del territorio per uno sviluppo sostenibile. Cosa intendi esattamente con approccio sostenibile? Puoi spiegarlo facendoci qualche esempio?

capretta di Casale Roccolo - partner di Slow Lake Como

Secondo noi di Casale Roccolo la produzione deve essere sostenibile dal punto di vista sociale, economico e ambientale.

Alcuni esempi in merito a come mettiamo in pratica questi concetti:

  • i vasetti di zincarlino che fino all’anno scorso erano in plastica, adesso 2020 sono in vetro;
  • i vasetti usati dai clienti possono essere restituiti e riutilizzati;
  • i nostri vasetti per lo yogurt sono solo in vetro;
  • cerchiamo di effettuare vendita il più possibile al taglio.

Durante l’anno, prendiamo parte a iniziative che promuovono i piccoli produttori locali e l’economia regionale. Al momento, sosteniamo le attività di:

– Gruppi di Acquisto Solidale (GAS)

– La Condotta Slow Food Como che ci sostiene sempre e ci ha dato un piccolo riconoscimento per il premio vinto nel 2019.

A proposito di PREMI complimenti per la prima gara fatta 2019 e per aver vinto con il vostro Gubet “un sapore non convenzionale”.

formaggio gubet - Casale Roccolo - partner di Slow Lake Como

La vostra pagina IG (instagram) è bellissima ed evidenza i vostri prodotti molto bene, che obiettivo state perseguendo utilizzandola? 

Il canale Instagram ci serve per aumentare la visibilità per la fascia d’età 30/40 anni e lo scopo principale è quello di educare e informare chi ci segue sulle possibilità culinarie ed alimentari legate al nostro prodotto.

Nel canale pubblichiamo settimanalmente ricette proposte da ristoranti che utilizzano i nostri formaggi e latticini per mostrare come con un pochino di creatività e conoscenza si possano ottenere.

Infine, ultima domanda, quale malsana ragione vi ha convinti a Collaborare con noi di Slow Lake Como?

Slow Lake Como è top, siamo allineati nei valori e nella gestione delle attività e delle persone, l’unico appunto è che avete ottime idee e ancora tanto spazio per valorizzarle sempre di più. Io (Fabio) parteciperei assolutamente e tutti i vostri tour, lavoriamo bene per questo apprezziamo ognuno il lavoro e le competenze degli altri.  

C’è qualcosa che vorreste condividere con i lettori/ ospiti di Slow Lake non menzionato in precedenza? 

Ci sono piccole realtà locali da conoscere e assaggiare anche vicino a casa, non sempre è necessario spostarsi molto. Soprattutto in Italia di eccellenze ce ne sono in ogni angolo!

Sara,
Scopri le attività di Slow Lake Como e dei nostri partner, clicca qui se vuoi oppure contattaci via email
info@slowlakecomo.com o telefono/ WhatsApp+39 392 027 9675.

08Lug
Cascina Respau- slow lake como partner- dinner

In questi primi anni di attività sul Lago di Como abbiamo collaborato con molte persone speciali, oggi vogliamo ringraziare e parlarti di Ale e Katia. Sulle colline di Como, nel parco naturale della Spina Verde, tra passeggiate, percorsi botanici e natura incontaminata troviamo anche Cascina Respaù, un’antica cascina medievale risalente al XVI secolo.

La bellezza del posto, è data dalla sua posizione in mezzo alla natura, e dal fatto che si può arrivare direttamente a piedi, con una bella passeggiata da fare in compagnia o perché no in solitaria.

Arrivati in Cascina, dopo “tanta fatica” essere accolti dai proprietari Alessandro e Katia che vi faranno sentire come a casa è molto piacevole, ma se vuoi alloggiare qui e al ritorno non te la senti di riprendere il cammino, non preoccuparti, al momento del Check-in/Check-out si può usufruire di una navetta situata vicino alla stazione di Camerlata.

L’atmosfera che si respira è semplice e genuina, ideale per turisti alla ricerca di un riparo semplice, ma accogliente, e anche per piccole gite, la domenica in famiglia o con amici. Per tutti gli appassionati, si possono intraprendere passeggiate o trekking. E per chi non è così attivo…? Anche per i meno sportivi, ci sono grandi possibilità, infatti si può godersi la natura all’aria aperta, o semplicemente, rilassarsi nel parco all’ ombra di qualche albero e leggere un libro. All’ interno della struttura è possibile gustare i piatti della trattoria, preparati con amore e cura verso il cibo e le materie prime, grazie alla scelta di ingredienti di qualità. La proposta del menù infatti, racchiude i semplici piatti che la cucina dispone quel giorno, indice questo di prodotti sempre freschi e cucinati al momento.

“Il segreto della nostra cucina?” racconta Alessandro “In un’epoca di piatti da gustare solo con occhi e cervello noi abbiamo riportato il gusto al centro delle ricette!” Questa è sicuramente una delle molte ragioni che fanno di Ale, Katia e tutto lo staff di Cascina Respau uno dei fantastici collaboratori di Slow Lake Como con cui organizzare degustazione, corsi di cucina o terminare alla grande tour e altre attività! Dopo una bella mangiata si può gustare altro elemento importante di cascina, il silenzio, la natura e la bellezza unica della sua vista.

La tranquillità del posto, e il suo essere un po’ isolato dalla città, dal rumore delle macchine, dal chiasso cittadino, permettono a chi vive questa esperienza, di godere a pieno dei suoi benefici sia per il fisico che per la mente. Visitatori Italiani, Comaschi e non solo passano spesso di qui. Molti per la prima volta, alla ricerca di un posto nuovo che possa rispecchiare i loro gusti, altri decidono di prenotare per una giornata o fermarsi qualche giorno. Oltre a loro però, Cascina Respaù è visitata anche da viaggiatori da tutto il Mondo, che ne rimangono folgorati. Ti saluto col commento di un ospite che ha voluto lasciare una “traccia” del suo passaggio, e ringraziare Cascina Respaù della sua accoglienza: “’We didn’t stay at the hostel, but enjoyed an amazing Christmas Day lunch here. The hosts are lovely and so helpful. The food was incredible, and the views walking to and from, are beautiful!”.Autrice Eugenia Avella

06Feb
Towns on Lake Como Italy Cantu

Sulla strada per Cantù, il cartello che segnala l’entrata in paese parla chiaro: benvenuti nella città del mobile. La cittadina infatti è sempre stata considerata come punto di riferimento, e non solo per i suoi abitanti, per la progettazione e la realizzazione di mobili.

Le tracce della storia del mobile possono essere ripercorse all’interno del museo del Liceo Artistico Melotti. Quest’ultimo raccoglie numerosi tipi di mobili come ad esempio sedie, tavoli, pannelli e scrittoi ricchi di dettagli e attentamente conservati. La struttura prende il nome dallo scultore e pittore italiano Fausto Melotti che, tra le altre cose, insegnò nell’antica Regia Scuola di Cantù oggi Liceo Artistico. I pannelli che si possono ammirare nel museo sono stati abilmente lavorati secondo le tecniche dell’intaglio e dell’intarsio.

Ma Cantù offre molto altro oltre all’affascinante arte del mobile. Per quanto riguarda l’architettura ad esempio, la basilica di Galliano presenta alcune caratteristiche interessanti. Collocata sull’omonima collina, la struttura è stata concepita fin dalle origini come luogo di culto fino ad essere definitivamente consacrata al Cristianesimo. Oggi rappresenta un rilevante esempio dello stile romanico: poche e piccole monofore lasciano spazio a pareti affrescate in modo semplice e sobrio.

Culla di progettisti e artigiani, Cantù vi accoglie per scoprire come cultura teorica e competenze pratiche si incontrano dando origine a vere e proprie opere d’arte.

Towns on Lake Como Italy Cantu

Nicole,
scopri con noi i luoghi del lago di Como
info@slowlakecomo.com  what’s up e chiamate +39 392 027 9675.

03Ott
cascina rodiani e Slow Lake Como premio turismo cultura UNESCO

Siamo felicissimi di condividere un’importante notizia!!

L’itinerario Sul confine dei paesaggi ha vinto il premio turismo cultura Unesco Cristina Ambrosini 2017 di L’Agenzia di Viaggi magazine.

Sul confine dei paesaggi è un itinerario interregionale ecosostenibile tra il Lago di Como e quello di Lugano, che mette al centro il territorio prealpino e i suoi siti Unesco: il Sacro Monte di Ossuccio e il Monte San Giorgio. La proposta è stata sviluppata da Cascina Rodiani – Green Hospitality in collaborazione con Slow Lake Como, Burgio Carri Srl e Parco Regionale Spina Verde.

E’ stata una grandissima emozione ritirare il premio a Siena durante il World Tourism Event for UNESCO sites.

L’annuncio completo è disponibile qui
http://www.lagenziadiviaggi.it/premi-turismo-responsabile-unesco-tutti-nomi-dei-vincitori-2017/

cascina rodiani e Slow Lake Como premio turismo cultura UNESCO Agenzia Viaggi

Sara
PS 
per informazioni e prenotazioni contattaci! 

info@slowlakecomo.com mobile +39 392 027 9675. 

 

05Lug

One of the best reason Lake Como is visited all year is the variety of hiking trails it has. Many times visitors, and even residents are not aware of the jewel that is Lake Como until they wake up here. Slow Lake Como decided to celebrate the importance of our mountains offering hiking tours starting in Como town and giving families the opportunity to discover the deep connection between our land and history.

Click here to see WEEKLY tours in our HOME PAGE
or for info and bookingsCONTACT us! 

info@slowlakecomo.com mobile +39 339 / 26 43 621

Two of the most loved Slow Lake Como’s itineraries are Brunate Como Torno, Breathtaking Scenery and Rebellious Lake Como. On the Footsteps of the Smugglers.

Brunate, Como, Torno is an hike loved by locals of all ages, an itinerary that allows you to discover breathtaking landscapes, mysterious boulders and pendulous stones and a village with an ancient heart, walking and experiencing also a funicular and a boat.

Rebellious Lake Como, on the Footsteps of the Smugglers itinerary allows you to discover the adventurous side of Lake ComoIn this frontier land the mountains were crossed from one side of the Italian – Swiss border to the other by men with huge shoulder bags, often fleeing from the guards of both countries.

See WEEKLY tours in our HOME PAGE
For info and bookings contact us!

info@slowlakecomo.com mobile +39 339 / 26 43 621

 

Olio

15Set

Il territorio comasco, pur essendo  fuori dal tipico habitat mediterraneo, vanta un’antichissima tradizione olivicola grazie al particolare microclima derivante dalla presenza mitigatrice del lago e alle caratteristiche dei terreni morenici. Furono probabilmente i coloni greci insediati sul Lago  al seguito dell’esercito di Giulio Cesare (I secolo a.C.) a introdurre la   coltivazione degli ulivi in queste zone.

Nel 1997 è stato ottenuto dall’Unione Europea il riconoscimento della Denominazionedi Origine Protetta (D.O.P.) «Laghi

lombardi», sottodenominazione «Lario. Il  rigido disciplinare di produzione prevede , a tutela della qualità del prodotto, la raccolta manuale delle olive con l’ausilio di piccoli scuotitori meccanici, generalmente nel mese di novembre. La zona di produzione comprende 29 comuni della provincia di Como situati lungo la sponda occidentale del Lario, in particolare nella “Zoca de l’oli” (Conca dell’Olio) tra Sala Comacina e Ossuccio, nella Tremezzina e nella zona dell’Alto Lago, nel Triangolo Lariano (tra Bellagio eOliveto Lario) e sulle rive del Ceresio (Porlezza e Valsolda).” Le olive lariane vengono spremute presso gli unici due frantoi del lago:quello di Lenno, più tradizionale, sulla sponda comasca, e quello di Bellano, in provincia di Lecco.

Per assaggiare  l’olio prodotto sul territorio  puoi prendere parte a tour gastrononomici organizzati sia a Como che sulle sponde del Lago , visite ad aziende agricole specializzate o addirittura cimentarti in alcuni passaggi della lavorazione grazie a laboratori sia per adulti che per bambini

Scopri i produttori che fanno parte della rete Slowlakecomo

Miele

15Set

 

Pochi  sanno che è  a un comasco illustre, Plinio il Vecchio, che si deve uno dei primi studi sul mondo delle api e sulla produzione del miele. Plinio il Vecchio, nato nel 23 d.C a Como, è stato uno scrittore latino e uno dei massimi autori dell’antichità.

In funzione delle differenti specie botaniche presenti sul territorio comasco,si distinguono le seguenti tipologie di “miele lariano”: acacia o robinia (diffusa nelle zone di pianurae collina), castagno (presente soprattutto sui monti del Triangolo Lariano, della Val d’Intelvi, del centro e alto Lario), tiglio, melata o bosco, mille fiori, di alta montagna, lampone, rododendro e ailanto. La presenza  così significativa di alveari in ottima salute, testimonia della qualità dell’ambiente del terittorio comasco  perché le api costituiscono un indicatore biologico importantissimo. È anche grazie al loro instancabile lavoro di impollinazione che il Lago di Como è così ricco di biodiversità

 

Per assaggiare i mieli tipici  dolci della tradizione comasca puoi prendere parte a tour gastrononomici organizzati sia a Como che sulle sponde del Lago , visite ad aziende agricole specializzate o addirittura cimentarti in alcuni passaggi della lavorazione grazie a laboratori sia per adulti che per bambini

Scopri i produttori che fanno parte della rete Slowlakecomo

Dolci

15Set

 

slowlakecomo-13Tra i dolci comaschi  spicca la Cutizza, detta anche Paraa, una focacciafritta fatta con farina bianca zucchero e latte. La Cutizza veniva servita come merenda o come dolce, anche nell avariante con le mele. Altri  dolci tipici della tradizione sono  il Braschin, i Masigott, il Pan Meino (Pan de Mej), la Meascia,dolce e salata, i Nocciolini di Canzo e la Resta.

La Meascia(o Miascia), detta anche Turta di Paisan, è un dolce tradizionale delle zone montane dell’Alto Lario occidentale, consumata spesso anche come pasto povero.

Viene preparato con unabase di pane raffermo impastato con farina bianca o gialla, con l’aggiuntadi frutta.  Ne esistono naturalmente  numerosissime varianti  varianti. Ogni borgo o addirittura ogni famiglia ha la sua versione.

Nelle pasticcerie di Canzo troverete un’ampia scelta dei tipici Nocciolini. Sono piccoli biscotti  simili all’amaretto ma dal gusto di nocciola 

La “Resta” (Resca in dialetto comasco), il dolce tradizionale della città di Como veniva preparato un tempo in occasione della domenica delle Palme.

All’interno dell’impasto , veniva inserito un ramoscello d’ulivo.  La parola “Resca” (nel dialetto locale “lisca di pesce”), così come gli intagli a forma di spiga praticati sulla superficie del dolce ,sembrerebbero far riferimentoai simboli della rinascita primaverile

Il Mataloch è un dolce tipico del Centro e dell’Alto Lago. Una sorta di panettone dalla forma allungata, caratterizzato da un aroma intenso  di anice dovuto all’impiego dei fiori di finocchio. La sua origine viene fatta risalire all’epoca della dominazione spagnola. L’impasto è ricchissimo di ingredienti (oltre al miele,

l’uva sultanina, i canditi di cedro e di arancia, lenoci, le nocciole, i fichisecchi ecc.) che possonov ariare a seconda del luogo di produzione.

Per assaggiare i veri dolci della tradizione comasca puoi prendere parte a tour gastronomici organizzati sia a Como che sulle sponde del Lago o addirittura cimentarti nella preparazione attraverso bevi corsi di cucina e gastronomia.

Scopri i produttori che fanno parte della rete Slowlakecomo

15Set

slowlakecomo-8

La macellazione e la lavorazione degli insaccati sono da secoli produzioni presenti nella cultura enogastronomica locale.

Tra le carni merita una particolare menzione l’agnello di razza brianzola, Tra gli insaccati il Salame Brianza ha ottenuto il riconoscimento della DO ed è prodotto solo in una zona della Lombardia, la Brianza, che comprende parte delle province

di Milano, Como, Lecco e Monza Brianza. Per provare i prodotti locali è possiible prendere parte a itinerari gastronomici organizzati sia a Como che sull rive del lago.

Scopri i produttori che fanno parte della rete Slowlakecomo

Pesce

15Set

Il pesce è da sempre protagonista  nella cucina Lariana. Nei paesi rivieraschi è possibile gustare  piatti tradizionali di pesce locale e osservare  i tipici trespoli triangolari sui quali vengono fatti asciugare gli agoni per la preparazione dei famosi missoltini. Oltre ai missoltini, molto diffusi e rinomati sono il lavarello e il persico. Il lavarello ha carni bianche e saporite. Le carni del persico sono bianche e normalmente  cucinate in filetti e abbinate al riso. Altre specie sono il cavedano, molto adatto a essere cucinato in carpione e il luccio, preparato tradizionalmente in padella.Consigliamo di fare una gita in battello per cogliere l’unicità dei luoghi e numerose soste per addentrarsi nei paesi più caratteristici dove gustare un tipico piatto di pesce. Sono molti anche  i negozi e le pescherie dove è possibile acquistare il pesce di lago, ma per meglio capire la cultura dell’attività di pesca sul Lario è possibile prendere parte a battute di pesca guidate. Un’eperienza indimenticabile.

Scopri i produttori che fanno parte della rete Slowlakecomo